Carta Curve – La recensione

Benvenuto sul blog di LearningUp! Qui troverai tanti consigli su come risparmiare qualche euro sulla base della mia esperienza personale.

Ciao, nel post di oggi vorrei parlarti di Carta Curve, un moderno metodo di pagamento  che ti consente di accorpare tutte le tue carte (di credito o debito) in un’unica carta. Ti spiego subito di cosa si tratta.

Curve è una startup nata nel 2015 nel Regno Unito, che in poco tempo è riuscita ad ottenere i finanziamenti per lanciare un’app scaricabile gratuitamente.

Aprendo un conto Curve si riceverà gratuitamente una carta di debito operante sul circuito Mastercard, che lavora in combinazione con la app e ti permette appunto di poter gestire più carte in una sola.

Come funziona?

Per attivare un conto Curve è sufficiente scaricare la app sul tuo smartphone, inserendo tutti i tuoi dati personali.

Una volta che riceverai la carta, potrai aggiungere sempre nella app i dati relativi a tutte le tue carte (ne puoi inserire quante ne vuoi) e associarle direttamente alla tua Curve Card con un processo di verifica.

Le carte supportate possono essere sia del circuito Mastercard che Visa. In questo modo potrai decidere di volta in volta che carta utilizzare per le tue operazioni.

Il primo grosso vantaggio è di poter utilizzare più carte senza doverle portare fisicamente in giro e senza doverti ricordare il Pin di ciascuna, ma solo quello della Curve Card. Fantastico, vero?

Curve ha inoltre al suo interno un chip NFC, che la rende ottima per i pagamenti contactless.

Costi e limiti

La Carta Curve è gratuita ma ha alcuni limiti di utilizzo. Nella fattispecie non si possono eseguire:

  • più di €2000 di transazioni al giorno
  • più di €5000 di transazioni al mese

Ḕ possibile inoltre prelevare fino a €200 al giorno presso tutti gli sportelli Bancomat; nel caso tu decida di utilizzare per questa operazione una carta di credito, ti verrà addebitata una commissione pari al 2%.

Curve Card può essere utilizzata praticamente in tutto il mondo, anche se ti sconsiglio di usarla fuori dalla UE, poiché ai pagamenti in valuta estera viene applicata una commissione dell’1%.

Una carta super sicura

La app è di facile utilizzo e interagisce in tempo reale con la carta. A ogni transazione infatti ti verrà inviata una notifica push per essere sempre aggiornato. In più quando effettuerai un pagamento avrai fino a 14 giorni di tempo dopo la transazione per decidere su quale carta addebitare l’operazione.

Uno dei punti di forza di Curve è la sicurezza. Utilizzare una sola carta ti consente di non divulgare in giro i dati delle tue carte, che rimarranno quindi al sicuro.

I tuoi dati non saranno visibili nemmeno sulla app, perché grazie al sistema peer-to-peer ad ogni operazione vengono inviati direttamente al sistema centrale di Curve. In caso di necessità potrai però comunque bloccare la carta direttamente dalla app.

Cosa ne penso?

Avendo provato Curve Card ti posso dire che per me è promossa a pieni voti Grazie a

  • costi contenuti
  • facilità di utilizzo
  • estrema sicurezza
  • semplicità nelle transazioni

trovo che sia un metodo di pagamento innovativo e quindi la consiglio nel caso tu abbia diverse carte e voglia gestirle con più praticità.

Hai già provato Curve? Raccontacelo con un commento!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *